Menu Chiudi

Arrivano i saldi…..

 

Arriva l’inverno e con il nuovo anno prendono il via i tanto attesi saldi di stagione per poi terminare, come da programma, il 28 febbraio. Ma, al solito, non in tutte le regioni si parte contemporaneamente; ed è già un rincorrersi di offerte più o meno reali. Secondo il Codacons-associazione consumatori- le vendite durante i saldi sono destinate a registrare un calo notevole; seguendo il trend che ormai si trascina da un paio di anni; il valore della spesa media che le famiglie destineranno agli acquisti in sconto, oscilla tra i 150 e i 200 euro; questo è dovuto al fatto che la data di partenza delle promozioni fa da coda alle festività natalizie e di capodanno; ciò va ad incidere fortemente sul fatturato, dal momento che le famiglie hanno già svuotato abbondantemente i portafogli per regali e spese alimentari. In secondo luogo, i consumatori hanno cambiato profondamente le proprie abitudini,spostando gli acquisti verso l’e-commerce, che registra vendite a due cifre e che può godere di sconti liberi tutto l’anno. Pare, che continui a vigere la legge del paradosso, dal momento che si tratta di una gabbia senza via d’uscita per i commercianti e di un freno per i consumatori poichè la legge li fa partire quando,ormai,i portafogli sono a secco. Ma ,allora, perché ci sono i saldi? La normativa risale all’epoca fascista,quando nel lontano 1939 vennero introdotte le vendite di liquidazione e straordinarie, alle quali appartengono, appunto i saldi. E mentre i grandi gruppi di vendite online Amazon o Yoox crescono, sono sempre di più i commercianti che abbassano le saracinesche, affogati da tasse e futile burocrazia, che pensa di risollevare l’economia con leggi di un secolo addietro.